Ostriche : Ostriche Marennes-Oléron - CAESAR - confezione 2,5kg - 25-26 pezzi - Roman's F.lli Manno

Ostriche Marennes-Oléron - CAESAR - confezione 2,5kg - 25-26 pezzi - Roman's F.lli Manno

PFM-022

CAESAR
Tipologia di ostrica: Ostriche affinate tradizionalmente
Bacino d'ostricoltura - Classificazione CNC (Comitato Nazionale Conchiglicultori): Orelons
Denominazione all'origine: Marennes-Oleron
Localizzazione e caratteristiche ambiente marino: Vasta distesa delimitata dagli estuari della Gironda, della Seudre e della Charente.  Profondita' debole nei parchi e nel bacino. Presenza della navicole blue che nelle stagioni delle piogge tinge la carne di alcuni esemplari di verde.
Caratteristiche Gustative, culinarie: Carne di una sodezza croccante. Volume in bocca, incredible equilibro fra dolcezza e salinità. 
Note: Prodotto con metodo tradizionale da Romengouse (Ostricoltori a Marennes dal 1874), in esclusiva per Roman's.

Maggiori dettagli

58,56 €

TAUX DE CHAIR (indice di carne) è il rapporto tra il peso delle ostriche e della loro polpa e rappresenta un indice qualitativo dell’ostrica. La formula della massa in grammi della polpa è: (m1x100)/m0 dove m0 = massa in grammi di 20 ostriche concave prima dell’apertura e m1 = massa in grammi della carne sgocciolata delle stesse 20 ostriche.
 
QUANDO MANGIARLE
Le ostriche si conservano per circa 12 giorni, chiuse e alle giuste temperature (tra i 5 e 15 gradi).
Il mollusco deve essere vivo al momento della degustazione, lo si può vedere dalla contrazione del muscolo al contatto.
Le ostriche non devono essere aperte all’ultimo momento, ma preferibilmente mezz’ora (al massimo 2 ore) prima della degustazione. La prima acqua deve essere buttate, e va lasciato il tempo al mollusco di ”rifare la sua acqua”.
 
AFRODISIACHE E SALUTARI
Si narra che gli Imperatori Romani fossero disposti a pagarle in oro. Casanova ne mangiava 50 di crude ogni mattina. Nei Paesi Bassi erano considerate un simbolo d'amore. L’ostrica è un elemento dietetico ed equilibrato. Assai povera di lipidi e di colesterolo, l’Ostrica si consuma senza limiti ed è adatta sia alle diete dimagranti sia a quelle cardio-vascolari. Ricca di sodio è sconsigliata nelle diete povere di sale. L’ostrica provoca la secrezione del succo gastrico ed è quindi perfetta come aperitivo, assai digeribile costituisce un buon rimedio contro l’anemia, le malattie da carenza, le affezioni del tubo digerente, le affezioni intestinali e le insufficienze epatiche. Lo Zinco è utile perché si ritiene aumenti la produzione di sperma e testosterone e incrementi la lubrificazione vaginale. Il solo vero pericolo che rappresenta questo mollusco per la nostra salute, risiede nel triste duello che si ingaggia con l’ostrica al momento della sua apertura: ogni anno circa 2.500 persone si feriscono aprendola.
 
VALORI NUTRIZIONALI
Valori nutrizionali dell’ostrica OSTRICA CRUDA (tenore approssimativo di 100 gr di polpa) circa 8/10 ostriche | OSTRICA COTTA
 
ELEMENTI GENERALI:
Energia (Kcal) Da 70 a 80  | 90
Acqua (g) Da 80 a 85
Proteine (g) Da 9 a 11    | 9
Glucidi (g) Da 4 a 6  |  5
Lipidi (g) Da 1,2 a 1,8  |  3
Colesterolo (mg) 50  |  72
 
VITAMINE (ug=microgrammi u.i= unità internazionale 333 è meno di 1 ug):
Vitamina A (mg) 0,09  |  392 u.i.
Vitamina D (ug) 5
Vitamina E (mg) 0,85
Vitamina C (mg) 8  |  7
Vitamina B1 (mg) Da 0,16 a 0,18  |  0,2
Vitamina B2 (mg) 0,2  |  0,22
Vitamina B6 (mg) 0,11  |  0,12
Vitamina B12 (ug) 16,5
Vitamina B3 (mg) 2,5  |  3,4
 
SALI MINERALI (mg):
Sodio Da 280 a 500  |  147
Fosforo Da 200 a 300
Calcio Da 60 a 90  |  59
Magnesio Da 30 a 40
Potassio Da 200 a 300  |  300
Ferro Da 5 a 7  |  8,8
 
  • Provincia Grosseto
  • Regione Toscana

29 altri prodotti dello stesso produttore

Precedente
Successivo

4 altri prodotti della stessa categoria: